Top
dona subito
< Torna indietro

Centri HOPE

Ambienti protetti che donano speranza

Nei Centri HOPE di HUMANA si effettuano test e si conducono campagne informative e di prevenzione dell’HIV/AIDS. Sono proprio le persone a recarsi presso i Centri per usufruire dei servizi offerti. L’obiettivo è innanzitutto quello di portare speranza tra chi ha già contratto la malattia e migliorare le loro condizioni di vita, assistendoli con costanza e cure appropriate, incoraggiandoli ad adottare un’alimentazione sana ed equilibrata e a partecipare ai gruppo di supporto, oltre che aiutandoli nella ricerca di un lavoro dignitoso. L’attività di prevenzione è inoltre svolta direttamente nelle comunità, grazie al prezioso aiuto degli attivisti volontari di HUMANA, impegnati sul campo e attraverso colloqui individuali o incontri di gruppo.

Con i progetti HOPE in Mozambico sono stati raggiunte rispettivamente 358 persone a Inhamabane e 46.861 nella provincia di Maputo, fra cui 1.405 donne incinte che hanno beneficiato di cure specifiche e di campagne di prevenzione; a Capo Delgado, invece, i beneficiari sono stati 97.151 (il 96% delle oltre 3.600 persone risultate positive al test ha iniziato la terapia antiretrovirale); inoltre sono stati qui costituiti 82 gruppi per il miglioramento della nutrizione, soprattutto delle persone che hanno contratto la malattia, e sono state organizzate 370 dimostrazioni culinarie.
In Malawi il programma HOPE si è focalizzato invece sulle scuole (“HOPE in schools”), dove 2.631 ragazze adolescenti sono state formate su come prevenire l’HIV e sono stati costituiti 20 Club giovanili, per sensibilizzare sul tema della riproduzione sessuale; qui, i beneficiari indiretti, coinvolti in campagne di prevenzione, sono stati circa 14.300.

Così come il programma TCE, anche i Centri HOPE sono coerenti con la strategia 90-90-90 delle Nazioni Unite che prevede, per il 2020, che il 90% delle persone infette da HIV avrà diagnosticato il proprio status; che il 90% delle persone infette avrà intrapreso la terapia e che il 90% di queste potrà raggiungere l’abbattimento della carica virale. I Centri applicano anche il cosiddetto approccio “Index Case” basato sull’attività di councelling e di testing dei membri dello stesso nucleo familiare, o dei contatti più prossimi alla persona contagiata (definita, appunto, “Index Case”). Questo metodo consente di raggiungere, in modo più efficace (anche in termini di gestione dei fondi) i soggetti più a rischio, bambini e giovani, riducendo gli interventi laddove il rischio di contagio è verosimilmente più basso.

Malawi
Mozambico

Tipologia di intervento:

Prevenzione e cura HIV/AIDS

144.370
beneficiari in Mozambico
2.631
beneficiari in Malawi
451.267
preservativi distribuiti